novembre 11, 2010

Dimensione e liquidità del mercato

Il forex è unico sotto numerosi profili:

  • volume degli scambi,
  • l’estrema liquidità del mercato,
  • il gran numero e la varietà degli operatori attivi sul mercato,
  • il decentramento geografico,
  • la durata giornaliera degli scambi – 24 ore al giorno (fatta eccezione per i weekend)
  • la varietà di fattori che influenzano i tassi di cambio,

A quanto risulta dallo studio Triennial Central Bank Survey 2004 della Banca dei Regolamenti internazionali, il turnover giornaliero medio sui mercati forex tradizionali è stimato ammontare a 1.880 miliardi di dollari. Le medie giornaliere relative all’aprile di differenti anni, in miliardi di dollari sono rappresentate nel grafico seguente:

Turnover del mercato forex globale:

  • 621 miliardi di dollari spot
  • 1.260 miliardi di dollari in derivati, di cui
  • 208 miliardi di dollari in forward
  • 944 miliardi di dollari in forex swaps
  • 107 miliardi di dollari in FX options.

futures contracts relativi al forex furono introdotti nel 1972 alla Chicago Mercantile Exchange ed essi sono attivamente scambiati in relazione con la maggior parte degli altri contratti future. Il volume dei Forex futures volume è cresciuto rapidamente negli ultimi anni, pur ammontando solo al 7% circa del volume totale del mercatoforex, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal Europe (5/5/06, p. 20).

I dieci trader più attivi effettuano circa il 73% del volume degli scambi, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal Europe, (2/9/06 p. 20). Queste grandi banche internazionali forniscono in continuazione al mercato sia i prezzi bid (di acquisto) che ask (di vendita). Il bid/ask spread è la differenza tra i prezzi alla quale una banca od unmarket maker è disposto a vendere (“ask“, o “offer“) ed il prezzo al quale un market maker è disposto a comprare (“bid“) da un cliente wholesale. Questo spread è minimo per coppie di valute molto scambiate, ammontando solitamente a soli 1-3 pip. Ad esempio, il rapporto bid/ask tra EUR/USD sarebbe 1,2200/1,2203. Il volume minimo per la maggior parte delle transazioni è solitamente 100.000 dollari.

Tali spread possono non applicarsi alla clientela retail delle banche, le quali in genere fanno un mark up sul rapporto portandolo in ipotesi a 1,2100 / 1,2300 per i trasferimenti, o 1,2000 / 1,2400 per le banconote od i travelers cheques. I prezzi spot dei market makers variano, ma tra EUR/USD solitamente non superano i 5 pip (ossia 0,0005). La concorrenza ha determinato un notevole restringimento degli spread per le maggiori valute, fino a minimi che variano tra 1 e 1,5 pip.

From

Il forex è unico sotto numerosi profili:

  • volume degli scambi,
  • l’estrema liquidità del mercato,
  • il gran numero e la varietà degli operatori attivi sul mercato,
  • il decentramento geografico,
  • la durata giornaliera degli scambi – 24 ore al giorno (fatta eccezione per i weekend)
  • la varietà di fattori che influenzano i tassi di cambio,

A quanto risulta dallo studio Triennial Central Bank Survey 2004 della Banca dei Regolamenti internazionali, il turnover giornaliero medio sui mercati forex tradizionali è stimato ammontare a 1.880 miliardi di dollari. Le medie giornaliere relative all’aprile di differenti anni, in miliardi di dollari sono rappresentate nel grafico seguente:

Turnover del mercato forex globale:

  • 621 miliardi di dollari spot
  • 1.260 miliardi di dollari in derivati, di cui
  • 208 miliardi di dollari in forward
  • 944 miliardi di dollari in forex swaps
  • 107 miliardi di dollari in FX options.

futures contracts relativi al forex furono introdotti nel 1972 alla Chicago Mercantile Exchange ed essi sono attivamente scambiati in relazione con la maggior parte degli altri contratti future. Il volume dei Forex futures volume è cresciuto rapidamente negli ultimi anni, pur ammontando solo al 7% circa del volume totale del mercatoforex, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal Europe (5/5/06, p. 20).

I dieci trader più attivi effettuano circa il 73% del volume degli scambi, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal Europe, (2/9/06 p. 20). Queste grandi banche internazionali forniscono in continuazione al mercato sia i prezzi bid (di acquisto) che ask (di vendita). Il bid/ask spread è la differenza tra i prezzi alla quale una banca od unmarket maker è disposto a vendere (“ask“, o “offer“) ed il prezzo al quale un market maker è disposto a comprare (“bid“) da un cliente wholesale. Questo spread è minimo per coppie di valute molto scambiate, ammontando solitamente a soli 1-3 pip. Ad esempio, il rapporto bid/ask tra EUR/USD sarebbe 1,2200/1,2203. Il volume minimo per la maggior parte delle transazioni è solitamente 100.000 dollari.

Tali spread possono non applicarsi alla clientela retail delle banche, le quali in genere fanno un mark up sul rapporto portandolo in ipotesi a 1,2100 / 1,2300 per i trasferimenti, o 1,2000 / 1,2400 per le banconote od i travelers cheques. I prezzi spot dei market makers variano, ma tra EUR/USD solitamente non superano i 5 pip (ossia 0,0005). La concorrenza ha determinato un notevole restringimento degli spread per le maggiori valute, fino a minimi che variano tra 1 e 1,5 pip.

From

Il forex è unico sotto numerosi profili:

  • volume degli scambi,
  • l’estrema liquidità del mercato,
  • il gran numero e la varietà degli operatori attivi sul mercato,
  • il decentramento geografico,
  • la durata giornaliera degli scambi – 24 ore al giorno (fatta eccezione per i weekend)
  • la varietà di fattori che influenzano i tassi di cambio,

A quanto risulta dallo studio Triennial Central Bank Survey 2004 della Banca dei Regolamenti internazionali, il turnover giornaliero medio sui mercati forex tradizionali è stimato ammontare a 1.880 miliardi di dollari. Le medie giornaliere relative all’aprile di differenti anni, in miliardi di dollari sono rappresentate nel grafico seguente:

Turnover del mercato forex globale:

  • 621 miliardi di dollari spot
  • 1.260 miliardi di dollari in derivati, di cui
  • 208 miliardi di dollari in forward
  • 944 miliardi di dollari in forex swaps
  • 107 miliardi di dollari in FX options.

futures contracts relativi al forex furono introdotti nel 1972 alla Chicago Mercantile Exchange ed essi sono attivamente scambiati in relazione con la maggior parte degli altri contratti future. Il volume dei Forex futures volume è cresciuto rapidamente negli ultimi anni, pur ammontando solo al 7% circa del volume totale del mercatoforex, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal Europe (5/5/06, p. 20).

I dieci trader più attivi effettuano circa il 73% del volume degli scambi, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal Europe, (2/9/06 p. 20). Queste grandi banche internazionali forniscono in continuazione al mercato sia i prezzi bid (di acquisto) che ask (di vendita). Il bid/ask spread è la differenza tra i prezzi alla quale una banca od unmarket maker è disposto a vendere (“ask“, o “offer“) ed il prezzo al quale un market maker è disposto a comprare (“bid“) da un cliente wholesale. Questo spread è minimo per coppie di valute molto scambiate, ammontando solitamente a soli 1-3 pip. Ad esempio, il rapporto bid/ask tra EUR/USD sarebbe 1,2200/1,2203. Il volume minimo per la maggior parte delle transazioni è solitamente 100.000 dollari.

Tali spread possono non applicarsi alla clientela retail delle banche, le quali in genere fanno un mark up sul rapporto portandolo in ipotesi a 1,2100 / 1,2300 per i trasferimenti, o 1,2000 / 1,2400 per le banconote od i travelers cheques. I prezzi spot dei market makers variano, ma tra EUR/USD solitamente non superano i 5 pip (ossia 0,0005). La concorrenza ha determinato un notevole restringimento degli spread per le maggiori valute, fino a minimi che variano tra 1 e 1,5 pip.

da Wikipedia®